Corso di Instagram a Palermo per promuovere il territorio (siculo)

Corso di Instagram a Palermo

Non è la solita infarinatura di un’ora, è un corso professionale su Instagram con Alessandro Pozzetti, esperto in Instagram e Influencer Marketing, e con l’intervento speciale di Claudia Guarino, del dipartimento Marketing di Donnafugata. Non avete mai visto il profilo Instagram di Donnafugata? Trovate per favore un brand siciliano con engagement migliore.

Profilo Instagram DonnafugataPer engagement intendiamo “interazioni”… Avere follower finti e like e commenti di amici (e di profili fake) è facile – e in un certo senso potrebbe essere parte di una strategia percorribile, come ci spiegherà Alessandro – essere bravi a raccontare tramite le immagini è meno facile, ma ancora più difficile è stringere rapporti col pubblico giusto e vendere.

Il celolunghismo è il peggior nemico dei Social Media Marketing, è la prima regola. È inutile vantarvi di avere 5.000 follower – finti o reali che siano – se poi non vendete nulla. Fare i fighi con gli amici non vi serve a pagare le bollette, per capirci 😉 O, peggio, fingervi influencer per avere ticket omaggio e sconti, è una vita un po’ da universitari sfigati, non credete?

Chi l’avrebbe detto che finalmente a Palermo qualcuno sarebbe venuto a parlare per 8 ore di un Social così importante per il Turismo (con la T maiuscola!)? In un momento come questo! Ora che la Sicilia sta vivendo una impennata di visitatori incredibile, dobbiamo purtroppo rimboccarci le maniche ed essere noi a organizzare un corso.

Come durante la precedente edizione, avremo tra i corsisti diversi professionisti che lavorano in hotel, B&B e case vacanza, e non mancheranno i loro interventi per condividere esperienze, problemi e soluzioni. Un momento collettivo di riflessione e crescita.

Alcuni consigli di Alessandro Pozzetti sull’utilizzo tecnico di Instagram

Prendiamo direttamente dal suo blog alcune chicche che possono già risolvere alcuni dilemmi ma di cui parleremo abbondantemente durante la lezione. Nello scorso evento alcuni dei corsisti più attivi su Instagram ci hanno riferito d’aver partecipato a un corso in cui consigliavano di utilizzare tutti e 30 gli hashtag per post.

Niente di più sbagliato…

Se un hashtag offre la migliore opportunità per essere trovati, intuitivamente potremmo dire che più ne utilizziamo più saremo avvantaggiati, giusto?

quanti hashtag usareNon esattamente.

Usare troppi hashtags può rendere il contenuto meno autentico e causare molti commenti “spam” che potrebbero rovinare l’esperienza di chi ci segue. Dunque la prima domanda da porsi è: quanti hashtag devo utilizzare?

L’analisi di Klear ha, quindi, valutato il numero totale dei “like” ottenuti da un post in relazione al numero totale di hashtag utilizzati.

Il risultato, per certi versi sbalorditivo, è che il giusto numero di hashtag da associare ai propri post è… semplicemente due!

Ovviamente è un paradosso per dire che su 30 hashtag che utilizzate, solo 2 vi servono veramente, quindi perché eccedere? Meglio usare gli hashtag giusti. Altra cosa importantissima secondo Alessandro Pozzetti, è lo costanza nello stile…

Cura al massimo il tuo progetto fotografico. Crea un’estetica costante e mantienila su tutti i post. Questa è la parte fondamentale per contraddistinguere il tuo progetto fotografico. La coerenza estetica è molto importante se vuoi attirare più follower e creare più engagement (coinvolgimento). Scoprirai che un bel feed Instagram è la chiave per far crescere la tua community più velocemente. Costruisciti pian piano uno stile personale, riconoscibile. È la cura del dettaglio che fa la differenza: prendi la strada maestra per la costruzione del tuo Personal Branding.

Queste sono alcune delle foto che Alessandro posta sul suo profilo Instagram. Notate che c’è una sorta di coerenza cromatica? Non è facile e sicuramente non basta uno smartphone.

Alessandro Pozzetti Corso Instagram

Un’altra tragedia inenarrabile per molti utenti è il tempo. Vi siete accorti che (per esempio) l’orario migliore per postare su Instagram è le 7.30 del mattino? Ma voi a quell’ora dovete preparare la colazione agli ospiti o accogliere in reception… come fare?

Hootsuite è uno strumento di gestione dei social media che può fare qualsiasi cosa, dalla pianificazione dei post sui social media alla misurazione del ROI dei social media. La funzione AutoSchedule consente a Hootsuite di determinare il momento migliore per pubblicare un post in base a quando contenuti simili hanno avuto successo in passato. Può anche pubblicare lo stesso messaggio in momenti diversi in base all’engagement del pubblico su ciascuna rete specifica.

Esiste una versione gratuita di Hootsuite. Come tutte cose bisogna dedicarci un po’ di tempo per capire come funziona. Niente di complicato. Se avete bisogno di aiuto, chiedeteci pure 😉 team@4date.it

È doveroso dire che Claudia Guarino ci ha riferito che Instagram è per Donnafugata è il canale Social principale. Pensate che la promozione di una fragranza di vino sia molto diversa dalla promozione (del panorama o dell’arredamento o della colazione) della vostra struttura ricettiva?

La promozione del territorio con Instagram, oltre che per instaurare un dialogo, serve a nutrire “visivamente” le innumerevoli ricerche che i turisti compiono online, prima di prenotare un viaggio, il cosiddetto Customer Travel Journey, di cui abbiamo parlato abbondantemente a marzo con Francesco Tapinassi e Nicoletta Polliotto, e di cui parleremo ancora con Armando Travaglini e con gli altri docenti.

Ci vediamo al corso… #4DATEhospitality  

Condividi questo articolo

NON PERDERE QUESTA OCCASIONE

INCREMENTA LE TUE CAPACITÀ

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + due =

back to top